Home » Riguardo a noi

Riguardo a noi

 

Dutch Passion Seed Company

Introduzion


Dutch Passion è una delle banche dei semi di cannabis più vecchie al mondo, nonché una delle poche compagnie di semi storiche ancora attiva. Offriamo ai nostri clienti una vasta gamma di varietà classiche originali di marijuana oltre ad alcune tra le migliori varietà nuove, molte delle quali sono disponibili in versione sia normale che femminizzata. Abbiamo iniziato a lavorare negli anni Settanta, fondando ufficialmente la nostra banca dei semi nel 1987.

Abbiamo costruito il nostro successo sulla base di tre principi fondamentali.

In primo luogo, selezioniamo e produciamo le migliori genetiche cannabis per dare al coltivatore autonomo la possibilità di coltivare anche da solo una marijuana di altissima qualità.

In secondo luogo, continuiamo a sostenere l'innovazione. Negli anni Novanta abbiamo inventato il seme femminizzato e, da quando abbiamo introdotto i semi femminizzati autofiorenti (AutoFem), abbiamo continuato a imporre gli standard più alti. A Dutch Passion non abbiamo mai esitato a capovolgere il pensiero convenzionale per offrire semi migliori.

E, infine, il servizio che offriamo ai clienti è notevole. Siamo ancora sul mercato da vari decenni proprio perché offriamo semi di altissima qualità e affidabilità, e contiamo milioni di clienti soddisfatti. Se non siete soddisfatti dei nostri semi, per qualunque ragione, contattateci e vedremo di rimediare.

La nostra collezione di semi va ancora alla grande. Ci confermiamo il primo e favorito fornitore di semi per molti coltivatori di marijuana con scopo ricreativo o terapeutico grazie al nostro interesse per la qualità dei semi e il nostro servizio clienti sicuro e affidabile.

 

Best seedbank

 

I valori Dutch Passion


Fin dal principio, ci siamo resi conto che un buon servizio clienti non è niente senza i semi della migliore qualità. I nostri anni di lavoro nel settore ci hanno aiutato a costruire una rete di contatti senza pari dei migliori produttori di cannabis e professionisti della marijuana. Ognuna delle nostre varietà è selezionata con cura e prodotta secondo gli standard più alti possibile. Molte di esse hanno vinto numerosi premi, e sono considerate tra le migliori al mondo. Varietà come le nostre originali White Widow, Blueberry, Skunk #11, Power Plant e Mazar sono ormai conosciutissime a livello mondiale. Spesso le nuove banche dei semi basano le proprie varietà su genetiche originali Dutch Passion.

Le nostre varietà leggendarie sono ancora oggi popolari come negli anni Ottanta e Settanta; molti semi sono disponibili in versione sia normale che femminizzata. Il nostro obiettivo costante è quello di garantire ai nostri clienti risultati sempre di alta qualità, e vendiamo circa 50 varietà diverse.

Quando riscontriamo una varietà nuova di alta qualità, provvediamo a incorporarla nella nostra collezione, a volte a discapito di una varietà meno popolare già esistente. In questo modo riusciamo a mantenere una selezione competitiva di genetiche di successo e dai risultati garantiti. Le varietà nuove devono meritarsi l'ingresso nel nostro catalogo, e la nostra fiducia nei loro confronti è tale per cui ne documentiamo la crescita in diari di coltivazione live tenuti su internet dai nostri clienti prima di iniziare la vendita pubblica. Sono poche le banche dei semi che offrono tale trasparenza nei confronti delle varietà nuove, e speriamo che questo dimostri la fiducia che abbiamo nella nostra abilità di fornire le genetiche migliori, nonché la qualità più alta e i risultati più costanti riscontrabili sul mercato.

 

Dutch Passion Seed Company

Una marca, una garanzia


Acquistare da Dutch Passion significa acquistare con piena fiducia in un leader ormai affermato del settore. Molti dei nostri clienti si sono rivolti a Dutch Passion per anni per avere i propri semi, e continuano a servirsi della nostra compagnia sapendo che siamo sempre a disposizione nella remota eventualità che ci sia qualche problema. La maggior parte dei nostri clienti resta soddisfatta; riceviamo forse una lamentela a settimana pur vendendo migliaia e migliaia di semi. Non è male per qualunque azienda, ma ci stiamo impegnando a migliorare ancora di più. I clienti possono contattarci via email, telefono, Skype o uno dei forum online. Siamo sempre pronti ad aiutare e sostenere i nostri clienti.

L'obiettivo di Dutch Passion è confermarsi un socio di fiducia per il coltivatore autonomo di marijuana per uso ricreativo e terapeutico. Nel 2012 abbiamo festeggiato 25 anni di successo nel settore. Questo successo è dovuto alle fantastiche varietà che abbiamo creato e al servizio, il sostegno e la fiducia che offriamo ai nostri clienti, molti dei quali ci hanno ricompensato, diventando clienti fissi. Alcuni di questi coltivatori, nel tempo, hanno prodotto l'intera gamma di semi Dutch Passion, trasformandosi in coltivatori esperti con un profondo apprezzamento e conoscenza delle sfumature che differenziano le molte grandi varietà che offriamo.


I primi anni


La nascita ufficiale della compagnia di semi Dutch Passion è avvenuta nel 1987 ad Amsterdam, ma le sue origini risalgono al 1972, quando il fondatore di Dutch Passion, Henk van Dalen, iniziò a coltivare la cannabis in Olanda per motivi personali. Henk godeva del beneficio di sei anni di studio di biologia (Amsterdam University, 1970 – 1976). In quel periodo, Henk seguì anche dei corsi di farmacologia, studiando gli effetti di farmaci psichedelici e altre droghe. Henk ampliò gli studi accademici con letture e studi ulteriori, e ben presto divenne uno dei primi produttori di cannabis riconosciuti.

Henk usava semi provenienti da marijuana thailandese e nigeriana importata, che iniziò a incrociare con altre varietà in cui si imbatteva grazie a una rete crescente di contatti. La sua reputazione cresceva a vista d'occhio, e ben presto divenne chiaro che la qualità delle piante ottenute dai semi di Henk era molto più alta rispetto a quella della marijuana importata dall'Asia, l'Africa e altri paesi. Nei primi anni Ottanta, Henk aveva iniziato, su piccola scala, a offrire i suoi semi ad altri coltivatori. Passion #1 (allora conosciuta come Amstel Gold) aveva una percentuale THC del 18% ed era considerata allo stesso livello dell'hasjisj migliore del tempo, il famigerato Chitral dell'Himalaya pakistano.

Si trattava di un periodo importante nella storia della cannabis. La gente iniziava a capire che la marijuana migliore non doveva più essere importata. Henk e altri coltivatori con le stesse sue idee avevano anticipato i tempi, dimostrando che, con i semi adatti, chiunque poteva produrre la propria marijuana equivalente – se non superiore – in qualità a ciò che veniva importato dai paesi considerati produttori tradizionali. “La semina era avvenuta”, dando l'avvio al movimento della marijuana coltivata in casa.

Ma il lavoro di Henk era appena iniziato. Nel 1988, aprì un coffee-shop olandese chiamato “Homegrown Fantasy”. Si tratta del primo coffee-shop in Olanda (e quindi al mondo) a vendere prodotti di cannabis coltivata e trattata in Olanda. Oggigiorno quel coffee-shop ha una nuova gestione, e non ha più niente a vedere con la reputazione di Dutch Passion. La reputazione di Henk crebbe ancora quando vinse il trofeo coffee-shop High Times per la sua Haze/Skunk originale. In quei primi tempi (1992) non c'era un premio per le banche dei semi, quindi i coffee-shop erano più coinvolti nel far conoscere le compagnie di semi al pubblico.

Henk si rese infine conto che i consumatori di marijuana a scopo ricreativo o terapeutico avrebbero, e sarebbero stati in grado di, seminare e coltivare da sé la propria marijuana. Oggigiorno questa pratica è sempre più normale, ma negli anni Ottanta l'idea che potesse diffondersi la marijuana coltivata in casa era davvero radicale. Con un solido bagaglio di conoscenze circa la produzione della cannabis, Henk creò la Dutch Passion Seed Company nel 1987. La sua filosofia – che ancora oggi è il cuore della filosofia Dutch Passion – era di non perdere mai la passione nell'offrire i migliori semi di cannabis possibili ai suoi clienti.

Feminized seeds

 

Semi femminizzati


Uno dei maggiori contributi di Henk – e di Dutch Passion – a favore del coltivatore autonomo è la creazione dei semi femminizzati negli anni Novanta, che ha rappresentato una tappa cruciale per chi coltiva per hobby. Svaniva così la seccatura legata al dover mantenere una grow room permanente per accudire una pianta madre, né era più necessario avere una cerchia di coltivatori che potessero fornire le talee desiderate. Il coltivatore autonomo voleva evitare la scocciatura e lo stress di coltivare più piante del necessario nella speranza di ottenere qualche pianta femmina. I nostri clienti ci dicono che il motivo principale che spinge a coltivare la marijuana è restare autonomi e indipendenti per quanto riguarda la marijuana medicinale/ricreativa. I semi femminizzati sono importanti, in quanto usandoli si evita una coltivazione di piante in quantità eccessiva. I clienti ci dicono anche che non vogliono dover accudire una pianta madre per 52 settimane all'anno, non volendo quindi coltivare da talee o cloni. L'impiego di semi femminizzati ha permesso ai coltivatori di ridurre le bollette elettriche, visto che non c'era più bisogno di elettricità per coltivare e accudire piante madre o piante maschio.

Per questi motivi la creazione di semi femminizzati avrebbe avuto un impatto enorme sul coltivatore autonomo.

Tre libri avrebbero giocato un ruolo importante nella produzione cannabica di Henk, ovvero: “Marijuana Grower's Guide” (1978) di Mel Frank/Ed Rosenthal, “Marijuana Botany” (1981) di Robert Connell Clark e “Indoor Marijuana Horticulture” (1983) di Jorge Cervantes. Henk trovò particolarmente interessanti le osservazioni di Rosenthal circa le possibilità dei semi femmina, visto che il suo obiettivo era sempre stato quello di facilitare la coltivazione della marijuana, e renderla più conveniente per il coltivatore autonomo.

 

Si era già parlato più volte dell'idea dei semi femminizzati, ma nessuno era sicuro che sarebbe stato possibile crearli. Henk notò che, alla fine del ciclo vitale, una pianta femmina spesso produceva fiori maschio se lasciata abbastanza a lungo. Questi fiori producevano “polline femmina”, e dai semi risultanti nascevano piante femmina. Henk iniziò a impiegare sistematicamente questo metodo, studiando le piante nelle diverse fasi della loro vita. Notò che la maggioranza delle piante femmina tendeva a produrre piccole quantità di fiori maschio se lasciata abbastanza a lungo. È un meccanismo per la sopravvivenza incorporato nella genetica delle piante di cannabis – un modo per favorire la produzione di semi anche in assenza di piante maschio. Henk ricorda ancora bene la sua prima sperimentazione: raccolse questo “polline femmina” per impollinare altre piante femmina, raccogliendo e piantando poi 50 semi dai quali si svilupparono esclusivamente piante femmina. Per Henk e Dutch Passion fu un momento storico. I primi semi femminizzati furono messi in vendita, diventando subito l'argomento del giorno per la comunità cannabica. Le scorte si esaurirono in pochissimo tempo, e la richiesta aumentò vertiginosamente. La sfida successiva fu di trovare il modo di produrre quantità abbondanti di “polline femmina” in modo da riuscire a produrre quantità ingenti di semi femminizzati, soddisfacendo così la richiesta crescente.

Per capire come risolvere il problema, Henk si affidò alla sua formazione da biologo, ricordandosi degli studi effettuati su verdure come i cetrioli. Era possibile affidarsi a ormoni vegetali e altri metodi meno complicati per modificare la morfologia e fisiologia delle piante senza disturbare l'ordinaria crescita della pianta femmina. Gli studi furono migliorati e perfezionati. Lo scopo era produrre quantità abbondanti di polline in modo da produrre più semi femminizzati, rispondendo alla domanda crescente da parte dei coltivatori autonomi.

Oggigiorno, la grande maggioranza di semi venduti è composta da semi femminizzati. Il processo di femminizzazione è stato migliorato negli anni ed è ormai affidabilissimo e costante; molte banche dei semini ora offrono solo semi femminizzati.

Pur avendo inventato i semi femminizzati, Dutch Passion non rinuncia ai semi “non femminizzati”, che costituiscono circa un terzo delle varietà vendute. Questo è principalmente a beneficio dei clienti che amano sperimentare, creando ceppi e incroci tutti loro. La maggioranza dei semi venduti da Dutch Passion sono femminizzati, ma la compagnia si impegna a mantenere le vendite dei semi normali per i clienti che li richiedono.

Autoflowers

 

Le Autofiorenti


I semi di cannabis Autofiorenti rappresentano un'area in cui Dutch Passion ha investito molto negli ultimi anni. I semi Autofiorenti crescono da piantine a piante femmina mature in circa 10 settimane, rivelandosi così un'alternativa conveniente e dal raccolto rapido alle varietà tradizionali. La marijuana risultante è della stessa qualità delle varietà tradizionali, e viene prodotta in quantità abbondanti. Le Autofiorenti vanno coltivate indoor, con un ciclo di 20 ore di luce e 4 ore di buio. Danno risultati ottimi anche con coltivazione in serra o outdoor. La coltivazione outdoor è adatta anche alle estati più brevi, e le Autofiorenti sono diventate alcune tra le varietà Dutch Passion più apprezzate e con le vendite migliori. Dal 2010 in poi c'è stato una diffusione notevole dell'adozione di semi Autofiorenti. Lo sviluppo di genetiche Autofiorenti è un processo continuo e in futuro contiamo di migliorare la nostra attuale collezione Autofiorenti sempre di più.

A differenza dei semi femminizzati normali delle varietà tradizionali, le Autofiorenti fioriscono automaticamente, a prescindere dal ciclo luminoso. Per chi coltiva indoor, questo significa che possono mantenere un ciclo di 20 ore giornaliere di luce per tutta la vita dell' Autofiorenti. Le varietà tradizionali necessitano un sistema di 12 ore di luce/12 ore di buio per poter fiorire. Le Autofiorenti, indoor, fioriscono semplicemente in base all'età, e la maggior parte è pronta per il raccolto circa 10 settimane dopo la germinazione.


Marijuana terapeutica


Dutch Passion crede nell'assoluta efficacia medicinale della marijuana. Ma alcune varietà come Ortega Indica si sono rivelate particolarmente utili per i coltivatori di marijuana medicinale. Nel 2012 Dutch Passion ha annunciato una collaboration with The CBD Crew con lo scopo di produrre varietà Dutch Passion con livelli di CBD alti. Sappiamo che la cannabis è una pianta con molti usi positivi; tanta gente ne usufruisce in maniera ricreativa, ma l'uso a scopo terapeutico è in costante aumento.

Il movimento internazionale verso la regolamentazione e, col tempo, legalizzazione della pianta della cannabis è già iniziato, e siamo convinti che col tempo, nei paesi civilizzati, la gente potrà tranquillamente possedere e far uso della cannabis. La cannabis è una pianta troppo importante per essere ignorata, e infatti forniamo i nostri semi in modo che ognuno possa produrre la propria scorta in sicurezza. Grazie ai nostri semi, i consumatori di cannabis non devono più affidarsi ad altri, e sanno esattamente ciò che usano.

Essendo una compagnia seria, esortiamo a un uso responsabile della cannabis; consigliamo sempre di informarsi sulla pianta e di utilizzarla con cautela. L'uso della cannabis è sconsigliato in determinate situazioni, e certe persone non dovrebbero mai farne uso. Consigliamo ai nostri clienti di rivolgersi a un dottore prima di usare la cannabis come medicinale, come molti già fanno. Consigliamo la moderazione ai consumatori ricreativi.

Se usata in maniera responsabile, la cannabis potrebbe essere la migliore alternativa naturale al mondo a droghe chimiche, alcol e farmaci.

 

L'altra cannabis – prodotti in canapa


Nel 1994 Henk aprì il primo Dutch Hemp Shop, dal nome “Green Lands”, che vendeva – tra le altre cose – tessuti e abiti in canapa, canapa-burger (una creazione personale di Henk), olio di semi di canapa e semi di canapa. Questi semi non erano come i semi di cannabis venduti oggi da Dutch Passion. I semi di canapa venduti da “Green Lands” producevano solo piante prive di THC. La fibra di canapa è tra le fibre più resistenti al mondo, e l'olio di semi di canapa è uno degli oli più nutrienti e salutari che esistano. Oggi che “Green Lands” non esiste più, Dutch Passion resta l'unica passione vera.

 Dutch Master Award

 

Dutch Passion oggi


Dutch Passion comprende le esigenze dei coltivatori moderni. La nostra collezione di semi ha qualcosa da offrire a tutti – dalle migliori varietà leggendarie con genetiche originali alle ultimissime AutoFem caratterizzate da elevate e rapide prestazioni. Dutch Passion crede che la marijuana ricreativa, se usata in maniera responsabile e sensata, sia un'opzione più sana rispetto alle alternative “legali” di alcol e tabacco. Crediamo che, se usata in moderazione, la cannabis sia una droga più sicura dell'alcol, con effetti secondari meno dannosi e meno danni alla società in generale.

 

Dutch Passion crede anche che la marijuana a scopo medicinale sia sempre più accettata come valida alternativa alle medicine tradizionali in diverse aree. Questo punto di vista è confermato dall'evidenza scientifica tradizionale, e ogni anni vediamo aumentare lo studio dei benefici terapeutici della marijuana. Fa piacere vedere che molte regioni, tra cui l'Europa, l'America del Nord e oltre, iniziano a legalizzare l'uso terapeutico della marijuana; questa è una legittimazione del nostro lavoro appassionato negli ultimi decenni. Oggi molti coltivatori Dutch Passion spiegano ai loro medici che l'uso di marijuana dà loro benefici medici autentici, e i dottori lo accettano tranquillamente. Tutto ciò sarebbe stato impensabile solo qualche decennio fa. Dutch Passion crede che, in futuro, la marijuana si dimostrerà sempre più importante per la comunità medica.

Dutch Passion gode di un'ottima reputazione nel campo dei semi e, come riconoscimento per i nostri successi e contributi, siamo stati onorati con il primissimo “Dutch Master Award” di High Times in occasione del High Times Cannabis Cup 2011 ad Amsterdam. Il premio è stato assegnato al fondatore di Dutch Passion, Henk van Dalen, in onore di una vita di contributi importanti alla comunità internazionale della cannabis.

 

Dutch Passion Future



Dutch Passion – il futuro.


Dutch Passion è ancora incentrata su un valore chiave: fornire i migliori semi di cannabis ai coltivatori autonomi a scopo ricreativo e terapeutico.

L'accettazione a livello mondiale della cannabis come medicinale e come farmaco ricreativo sembra in costante aumento. La nostra previsione è che questo movimento continui nei prossimi decenni, e il nostro compito è quello di fornire i semi che permetteranno alle persone di coltivare marijuana di alta qualità.

L'attuale, difficile condizione legale della cannabis in numerosi stati rende vulnerabile la posizione di consumatori medicinali e ricreativi. La cannabis acquistata dai commercianti spesso non proviene da strutture controllate, e i compratori non hanno la certezza di quello che portano a casa. Finché la produzione e la vendita della cannabis non saranno pienamente legalizzate e controllate come nel caso di qualsiasi alto bene di consumo, a nostro avviso la coltivazione autonoma in casa è l'unico metodo sicuro e affidabile di ottenere cannabis di qualità.

Ci impegniamo, con il nostro lavoro e la nostra ricerca, a rendere più facile e comoda la coltivazione individuale, in modo che ogni coltivatore possa produrre marijuana da primo premio a casa sua. È questo l'impegno che ha motivato il successo di Dutch Passion nei primi decenni, e resterà tale e quale nei decenni futuri. Se non avete mai provato i semi di cannabis Dutch Passion, vi invitiamo a curiosare tra la nostra collezione. Se avete già fatto acquisti presso Dutch Passion, vogliamo ringraziarvi per averci dato la possibilità di servirvi.

Benvenuti nel mondo di Dutch Passion.

Contattaci   |   Disclaimer   |   Privacy policy, terms and conditions

Dutch Passion consiglia ai propri clienti di prendere visione delle disposizioni normative vigenti nel proprio paese prima di procedere alla germinazione. Dutch Passion non risponde delle azioni dei trasgressori di leggi e regolamenti vigenti nella propria giurisdizione. Nei territori ove la coltivazione di cannabis non sia legalmente consentita i semi venduti dovranno essere conservati come souvenir da collezione.